Leadership e autoconsapevolezza

 

 

Le capacità di leadership sono correlate a tratti narcisistici della personalità. Il narcisista è  solitamente brillante e trasmette la sicurezza di avere tutto sotto controllo. Il narcisismo può però essere un grave ostacolo. Un buon leader deve infatti favorire la capacità di pensare e di esprimersi del gruppo di lavoro. Non deve primeggiare a tutti i costi con un’idea brillante, ma deve permettere agli altri di brillare. In uno studio di  Nevicka e collaboratori (2011) è  stato evidenziato come un leader narcisista inibisca la creatività dei suoi collaboratori. Le persone tendono a scegliere il narcisista come leader, ma questa non risulta essere la scelta migliore.

Seppur le persone narcisiste perseguono la leadership, riescono a ottenere buoni risultati solo fin quando il proprio interesse è in linea con quello dell’organizzazioni di cui sono i leader.  La rassegna di Susanne Braun del 2015 evidenzia i pro e i contro della personalità narcisista come leader. Solitamente una persona estroversa, fiduciosa in se stessa e con un alto QI (Quoziente Intellettivo) è considerato un buon leader. Una persona simile può essere tentata di fare sfoggio della propria dominanza e intelligenza il più possibile. Spesso, invece, un buon leader deve avere la capacità di fare un passo indietro, in modo da dare spazio al gruppo per trovare e creare soluzione. Il pensiero di gruppo può essere soffocato dal pensiero del leader, a cui tenderà a conformarsi. Se il leader suggerisce subito la sua soluzione, per il gruppo sarà più difficile essere veramente creativo.

Ci sono quindi aspetti positivi e negativi del narcismo. Attraverso un percorso psicoanalitico, il narcisista riattualizza nel tranfert gli aspetti negativi e distruttivi della sua personalità, sono quegli aspetti che fanno vivere il narcista in una continua sensazione di impotenza, in una incapacità di amare e di sentirsi soddisfatto, perché ricerca sempre la prevaricazione e la sensazione di potere sull’altro. Green ne Il complesso della madre morta (1983) ipotizza infatti che il problema del narcisista è l’identificazione con quella che lui chiama la “madre morta”, ovvero una madre depressa che ha disinvestito il figlio nei primi anni di vita. La madre ha continuato a occuparsi del figlio, ma in modo emotivamente distaccato, probabilmente per un lutto o perdita. Pur avendo una vita apparentemente soddisfacente, il narcisista continua a identificarsi con questa immagine di madre morta. Nel relazione psicoanalitica ad alta frequenza si ha la possibilità di risanare, attraverso il lavoro nel tranfert, l’identificazione con la madre morta, cioè questa relazione primaria affettivamente deprivante andando così a trasformare positivamente il bisogno di non sentirsi impotente prevaricando sull’altro, anche sui propri collaboratori.

Per questo un leader che è stato un’analisi, è sicuramente un leader migliore.

 

 

Libri per bambini che aiutano (genitori e bambini)

A volte un libro può aiutare non solo il bambino a raffigurare un’emozione, ma anche il genitore a identificarsi con il proprio bambino.

Alcuni libri, letti e riletti ai bambini sin da piccoli, aiutano a dare voce ad emozioni ed angosce che posso essere difficili da rappresentare.

Bion ha sottolineare che la madre ha la funzione di trasformare, digerire, quelle emozioni e angosce che il bambino non riesce a contenere dentro di sé, ma cosa succede quando è la madre stessa (o il padre) che non riesce a contenere certe angosce?

Il primo libro che voglio segnalare è Urlo di mamma di Jutta Bauer (Nord-Sud ed). La mamma-pinguino è molto arrabbiata è urla qualcosa al suo bambino, il libro descrive perfettamente come si può sentire il piccolo pinguino: si frantuma in mille pezzi, che vengono sparsi ovunque e lui fatica a ritrovarli. Alla fine è la mamma stessa che l’aiuta a ricomporre il suo corpo, cioè la sua psiche, ricucendo insieme i vari pezzi. Una mamma può sbagliare, ma quello che è fondamentale è la capacità riparativa. La mamma che aiuta il suo piccolo a ritrovare e ricomporre le parti della sua mente andate in pezzi a causa di un evento troppo intrusivo per poter essere contenuto nella sua mente.

Un libro diventato molto famoso tra le operatrici dell’infanzia è Che rabbia! di Mireille d’Allancé (ed. Babalibri). Al piccolo Roberto monta sempre più la rabbia, qualcosa di incontenibile e distruttivo che è raffigurato da un mostro talmente grande che il piccolo Roberto non può che farlo esplodere dalla sua bocca. Un mostro che prende il controllo, che fa cose che Roberto non condivide realmente, rompendo oggetti a cui tiene. Qui è il piccolo Roberto stesso che gradualmente riesce a contenere la sua rabbia, rendendo questo mostro sempre più piccolo e trovandogli un contenitore adatto.

Pezzettino (di Leo Lionni ed. Babalibri) si sente diverso, insicuro, piccolo, sente di avere una parte mancante, perché non riesce a definirsi, a capire chi è. Dopo un lungo e difficile viaggio, Pezzettino arriva su un’isola, cade e si rompe in mille pezzi. E’ dopo quel crollo che Pezzettino si ricompone e capisce che non gli manca niente, che lui è perfetto così, perché è semplicemente se stesso.

Questi sono solo tre,  tra i tanti libri che aiutano a capire e capirsi, che possono aiutare genitori e bambini nella loro relazione.

Diversità tecniche nelle teorie psicoananalitiche

Esistono diverse psicoanalisi, che sfumano l’una nell’altra.

Per Freud, l’obiettivo dell’analisi è rendere conscio l’inconscio (1900, 1909) e, più avanti nella sua opera, spostare la struttura psichica dall’Es all’Io (1923, 1926). Per la Klein (1948, 1952) la trasformazione fondamentale in analisi consiste nel passaggio dalla posizione schizoparanoide alla posizione depressiva. Bion auspica il passaggio da una mentalità basata sull’evacuazione dell’emozione disturbante, non mentalizzata (elemento beta), a una metalità in cui la propria esperienza emotiva può essere sognata e pensata (1965). Per Winnicott la salute psichica si fonda sulla trasformazione psichica in cui si passa dalla fantasticheria alla capacità di vivere in modo immaginativo uno spazio tra realtà e fantasia.A seconda della tecnica più o meno esplicita dell’analista, le interpretazione dei contenuti inconsci possono cogliere aspetti diversi:

  1. L’analista che è maggiormente influenzato dalla teoria freudiana si focalizza sull‘analisi del tranfert, che coglie il rimosso del passato.
  2. Un’impostazione più kleiniana cerca di cogliere le parti delle personalità scisse e proiettate, sempre basandosi sull’analisi del tranfert, in cui sono rimesse in scene le parti scisse, proiettate sull’analista.
  3. Secondo la prospettiva bioniana, l’analista è il contenitore delle proiezioni del paziente e svolge la funzione di elaborare e restituire al paziente ciò che non ha potuto elaborare. Bion (1992) in Cognitations dice che lo sviluppo della personalità dipende da un oggetto che possa contenere le proiezioni del bambino, le sue angosce. Se questo oggetto non esiste, non è adeguato, non svolge la funzione di contenere e restituire elaborate queste angosce, è un disastro per la psiche del bambino che non svilupperà la capacità di contenere psichicamente e usare le emozione per comprendere. Nei pazienti gravi manca, infatti, la funzione riflessiva che, secondo Fonagy e Target (1996), permette alla persona di comprendere le qualità simboliche del comportamento altrui.

Quello che però accomuna le diverse tecniche è l’attenzione al vissuto e significato interno dell’esperienza. I fatti reali assumono significato e possono essere trasformati psichicamente solo all’interno della relazione terapeutica.

L’attenzione fluttuante dello psiconalista

In “Consigli al medico nel trattamento psicoanalitico” (19120) Freud fornisce una serie di indicazioni perché l’analista non lavori su un piano consapevole e cognitivo, ma su un piano preconscio. La psicoanalisi, infatti, si distingue da tutti gli altri trattamenti terapeutici proprio perché non si prefigge di cambiare l‘aspetto superficiale e consapevole (la punta dell’iceberg), ma tutto ciò che ha permesso l’emergere del sintomo, la struttura profonda (la parte sommersa dell’iceberg). La formazione dell’analista, attraverso la sua analisi didattica, è quindi fondamentale per permettere all’analista di lavorare con la propria parte preconscia.

La parte conscia può, infatti, rendere cieco l’analista di fronte a ciò che è il materiale su cui lavorare, materiale che non arriva dalla parte consapevole e cognitiva del paziente. L’analista deve, quindi, saper sostare nella “non conoscenza” e nella “non comprensione”.

L’ascolto cosciente e la comprensione cognitiva del parlare del paziente è come l’ascolto e la comprensione del significato letterale della metafora. Il valore della metafora non sta in questo tipo di significato, ma al significato altro a cui rimanda.

Sono due, infatti, le regole fondamentali della psicoanalisi, una per il paziente e l’altra per l’analista: rispettivamente le libere associazioni e l’attenzione liberamente fluttuante. Sono queste due regole che rendono possibile il lavorare, in analisi, sugli aspetti preconsci del paziente. La coscienza diventa  così permeabile agli aspetti inconsci. ‘Attenzione liberamente fluttuante’ in origine è ‘gleichshwebend aufmerksamkeit’ e scheweben  significa fluttuare, ma non una qualsiasi fluttuare, un fluttuare nell’aria come opposto ad un galleggiare nell’acqua (schiwimmen) – una nuvola schwebens mentre una nave shwimmens.

Freud nell’Io e l’Es scrive che l’analista deve  “arrendersi all’attività mentale inconscia,  mettendosi in uno stato di attenzione fluttuante, per evitare, per quanto possibile, riflessioni e costruzioni di provenienza conscia, senza provare a fissare nei suoi ricordi qualcosa e, da questi significati, capire qualcosa dell’incoscio del paziente attraverso il proprio inconscio” (1923b, p. 239). Freud (1915) chiarisce che soggetto e oggetto non sono mai completamente separati dal momento che il soggetto plasma gli oggetti che percepisce, paragonando la sua epistemologia a quella di Kant e avvertendoci delle intrinseche distorsioni che la coscienza impone all’inconscio. Afferma comunque, che gli ‘oggetti interni’ (evidentemente inconsci) sono conoscibili se come strumento di percezione si usa l’inconscio stesso.

Nel suo volume Against understanding,  Fink (2014) scrive che ciò che è veramente cruciale per l’esplorazione psicoanalitica dell’inconscio “non è fornire significati, ma mettere in parole l’indicibile. Parlare di ciò che è sempre apparso impronunciabile, impensabile, inaccettabile e/o inimmaginabile per l’analizzando…Dire tutte queste cose non è la stessa cosa del comprenderle, né per l’analizzando né per l’analista…La comprensione – se mai arriva – può aspettare.” (p.8)

Il proprio inconscio è, quindi, il principale strumento dell’analista ed è per questa ragione che è necessario avere la garanzia che l’analista stessa abbia lavorato, trasformato, elaborato i propri contenuti inconsci attraverso una lunga analisi didattica.

L’elemento chiave della psicoanalisi è la centralità dell’inconscio e la particolare ‘tecnica’ richiesta per poterlo ‘conoscere’. Se il sogno è il portavoce dell’inconscio (così come i lapsus, le associazioni libere, la metafora, il mito, e cosi via, che non sono inconscio in sé, ma parlano la sua lingua), allora l’unica strada che ha l’analista è di ascoltare attraverso il suo inconscio.

E’ quel che arriviamo a conoscere inconsciamente che è il cuore della pratica psicoanalitica.

Christmas blues: la depressione delle feste

Per  Christmas Blues si intende la depressione tipica del periodo natalizio.

E’ noto a chi si occupa di salute mentale, come i periodi natalizio ed estivo siano momenti di maggiore affluenza ai servizi di psichiatria territoriale. Aumentano la problematiche depressive ed il numero dei suicidi.

Sono anche i periodi in cui sia io che i miei colleghi riceviamo maggiore richiesta di “primi appuntamenti”. Persone che arrivano nell’urgenza di voler cambiare qualcosa che non riescono più a tollerare.

In letteratura ci sono varie ipotesi rispetto a questo incremento delle problematiche psicologiche. Si ipotizza che sia dovuto alle minori ore di luce, per quanto riguarda il Natale, oppure che sia collegabile all’aumento delle temperature in estate. E’ possibile che influisca la solitudine o lo stress legati alle reunion familiari e ai viaggi.

E’ possibile che questi fattori scatenino una psicopatologia? Non credo. E’ senz’altro vero, però, che in questi periodi aumentano le richieste di nuovi appuntamenti.

E’ possibile che il cambiamento della routine, frequente nel periodo festivo, dia spazio al manifestarsi di fragilità che solitamente riusciamo a tenere a bada grazie ad un susseguirsi di impegni. In qualche modo è come se in un ripetersi quotidiano di comportamenti e relazioni, non dessimo la possibilità alle nostre fragilità di emergere. Ci muoviamo quotidianamente in una confort zone, che è diversa per ognuno di noi, ma che ognuno di noi si è perfettamente modellato attuando tanti piccoli (a volte anche grandi) aggiustamenti. Abbiamo modellato impegni e relazioni. Con chi e per quanto tempo riusciamo a relazionarci senza sentirci inadeguati, ma anche quanto tempo riusciamo a tollerare attività o situazioni.

Durante il periodo festivo, questo prezioso equilibrio che ci siamo costruiti viene meno. E’ probabile che ci ritroviamo a fare i conti con una realtà diversa dall’ideale narcisistico che ci sostiene durante il resto dell’anno. Ci rendiamo forse conto, a livello più o meno consapevole, che la quantità e/o qualità delle nostre relazioni non è quella che vorremmo, facciamo il conti con l’anno che è passato e con i miglioramenti in cui avevamo sperato e che, forse, non ci sono stati.

In qualche modo, grazie al perturbarsi della routine riusciamo ad entrare in contatto con il nostro perturbante (Das Unheimliche freudiano), un qualcosa di estraneo ma familiare, un’angoscia nuova, ma che già conosciamo.

Piccoli pazienti crescono

 

Lo psicoterapeuta per esistere ha bisogno di pazienti. Cosa succederebbe se un giorno le persone fossero tutte psicologicamente sane ed equilibrate? Cosa ne sarebbe degli oltre 50.000 psicoterapeuti presenti in Italia? Senza contare tutte quelle figure professionali che si occupano del benessere psico-emotivo a vario titolo (a volte anche senza titolo!). Tutte queste persone si troverebbero senza una lavoro.

Come genitori possiamo evitare che tale scenario possa realizzarsi. Come fare? Ecco un semplice decalogo da seguire per crescere un futuro paziente e scongiurare l’estinzione della specie “psicoterapeuta”:

  1. Giustifichiamo i comportamenti sbagliati del nostro bambino. In fondo, “è solo un bambino“.
  2. Salviamolo dalla noia ad ogni costo. Possiamo dargli un tablet, una consolle, accendere la tv e tenerlo lì anche tutto il giorno. In questo modo, oltre ad evitare che si annoi, possiamo anche evitare che interferisca nelle nostre attività.
  3. Evitiamogli le delusioni. Se non riesce a fare qualcosa, facciamolo noi per lui. Se la scuola è troppo difficile, possiamo sempre iscriverlo in un’altra scuola.
  4. Se possiamo evitargli le frustrazioni, facciamolo! Perché fargli desiderare qualcosa, se possiamo averlo facilmente pagando. Sarebbe un atto estremamente egoistico da parte nostra.
  5. Difendiamolo dal sistema scolastico. Del resto, nostro figlio è un genio ed è per questo che ha un comportamento irrequieto a scuola, lo annoiano le cose che fanno tutti, “lui è troppo avanti“. Lui è speciale e sta all’insegnante valorizzare le sue qualità.
  6. Se gli diciamo di non fare una cosa, non la deve fare. Non importa cosa facciamo noi! Se io uso il cellulare a tavola, è per cose importanti, alla sua età può anche evitare. E’ più importante quello che gli dico che l’esempio che gli do.
  7. Deve imparare a nascondere le emozioni. Un bambino pignucoloso non piace a nessuno e non va bene che si arrabbi in pubblico. Anch’io evito di mostrare le mie emozioni e cerco di sembrare sempre sereno e felice.
  8. Ho un figlio perfetto e lo mostro a tutti. I suoi successi, sono i miei successi, ma i suoi insuccessi dipendono da lui.
  9. La mia vita è essere genitore. Faccio tutto in funzione di mio figlio, ho annullato le mie aspirazioni lavorative e sentimentali per lui. Non è la cosa più importante della mia vita, ma l’unica.
  10. Sono una persona di successo e mio figlio non può essere da meno.

Semplice vero? Non importa che seguiate il decalogo alla lettera, a volte bastano anche solo uno o due punti che si ripetono costantemente nella relazione con lui. E’ la cosa fondamentale e che non si abbia nella mente nostro figlio, quello reale intendo,  ma quello che vorremmo che fosse.

E ricordate, se state seguendo anche solo alcuni punti del decalogo, non è mai troppo presto per portarlo da uno psicoterapeuta.

Stati mentali gravi: perversione, anoressia, tossicodipendenza e psicosi

 

Le costruzioni psicopatologiche si riscontrano negli stati mentali gravi: perversioni, anoressie, tossicomanie e psicosi.

Tali stati mentali si reggono su difese perverse o psicotiche e tendono a distorcere la percezione della realtà fino a distruggerla. Invece, le difese nevrotiche tendono a limitare la percezione delle emozioni.

Le strutture psicopatologiche si formano silenziosamente nell’infanzia ed esprimono solo successivamente la loro potenzialità patogena.

Secondo De Masi, nella costruzione psicopatologica il carattere difensivo è secondario all’eccitazione che perverte la mente. La psicosi è  lenta e progressiva. Quando diventa evidente all’osservatore esterno vuol dire che il processo era già avvenuto silenziosamente nel corso del tempo. Nell’infanzia un comportamento bizzarro o difficoltà di apprendimento possono segnalare un processo già in atto.

L’episodio psicotico lascia cicatrici e focolai che possono portare a scompensi ulteriori. La possibilità di recupero dipende dal tempo trascorso e dalla gravità dell’episodio. Sono questi due fattori che incidono prevalentemente sulla possibilità di uscita dalla malattia. Il processo di ripristino del funzionamento normale comincia da piccole isole di sanità. Il processo psicotico evolve continuamente e si sviluppa per gradi, passando da stadi parzialmente reversibili ad altri che lo sono sempre meno. Per questo è importante, in tutti gli stati mentali gravi, cercare di scardinare alle prime avvisaglie il processo psicotico in atto.

 

 

Piccoli bulli crescono: il mobbing

 

High school students being bullied.

Brodsky nel 1976 definiva il bullismo sul posto di lavoro come una molestia. Era definito come “un comportamento ripetuto e persistente da parte di una persona finalizzato al tormento, allo sfinimento, alla frustrazione o a portare ad una reazione un’altra persona”. 

In pratica, il bullo descritto da Brodky rispecchia pienamente il fenomeno del bullismo nel mondo scolastico. Secondo Elliot Aronson, uno psicologo che si è lungamente occupato di bullismo, non si deve restare indifferenti di fronte ai primi fenomeni di bullismo. I bulli che non trovano nessun tipo di resistenza e di autorità, infatti, rafforzano l’idea di poter dare libero sfogo ai propri impulsi e gli altri finiscono per adeguarsi.

Brodsky studiò migliaia di casi di bullismo sul lavoro in California e trovò che le vittime soffrivano di numerose conseguenze negative quali ansia, depressione, nervosismo, rabbia, burnout e varie problematiche psicosomatiche (Brodsky, 1976, 1990; Skuzinska & Plopa, 2010).

Leymann (1990) studiando il fenomeno della violenza sul lavoro introdusse il termine mobbing e lo descrisse come una violenza psicologica ripetuta o un abuso emotivo da parte di una o più persone nel posto di lavoro.

Alcuni comportamenti tipici del bullo sul posto di lavoro sono rimproverare pubblicamente, interrompere o ignorare una persona, escluderla dai meeting, criticare il suo lavoro senza giustificazione e usare la minaccia e l’intimidazione.

Sia il bullismo che il mobbing conducono la vittima ad abbandonare il posto di lavoro.

Cosa caratterizza i bulli, siano essi adolescenti o adulti?  Il bullo non ha sviluppato un’adeguata capacità introspettiva, non ha affinato la propria sensibilità e non è capace di tradurre i sentimenti in parole. In pratica, il bullo non riesce a mettersi nei panni dell’altro. Riuscire a non confondere i propri sentimenti con quelli altrui, fa parte dell’intelligenza emotiva ed è principalmente in famiglia che si sviluppa.

Le origini della follia

L’origine della follia, o meglio della psicosi, si insinua nei primi processi relazionali. La precoce e prolungata distorsione delle prime relazioni emotive crea le premesse per un’alterazione della percezione della realtà psichica, che viene dissociata e sostituita da una costruzione fantastica (De Masi, 2006).
Attraverso la terapia analitica si favorisce nel paziente il funzionamento emotivo normale, in modo che possa capire la propria realtà psichica e quella dell’altro. E’ l’angosciante senso di impotenza, sin dall’età infantile, che spinge il paziente psicotico a sovvertire l’organizzazione del proprio pensiero.

E’ qualcosa di altamente distruttivo, sostiene De Masi, che si insinua in precocissima età nello sviluppo della propria capacità di pensare e di percepire le emozioni. Infatti, il bambino ha bisogno della capacità di contenimento materna. La madre deve essere in grado di percepire e dare senso all’esperienza emotiva del bambino, sin dalla sua nascita. Se il bambino non cresce in un ambiente con un’adeguata capacità di contenimento, non riesce a trasformare l’angoscia derivante dalle prime esperienze di frustrazione o sovrastimolazione.
Il nucleo psicotico, che ha iniziato a costruire la sua tela sia dalla primissima infanzia è già presente seppur silente. Solitamente è un qualche evento esterno che ne favorisce la slatentizzazione (cioè da latente diventa manifesto), ma non è tale evento a causare la psicosi.

La sola terapia farmacologia non è sufficiente. Attraverso la psicoanalisi, un paziente con nucleo psicotico ha la possibilità di elaborare l’esperienza infantile che ha reso possibile tale vulnerabilità. Non è solo una questione di biochimica celebrale, sono infatti le precoci esperienze mentali ed emotive che alterano tale biochimica e solo la trasformazione di tale fatti psichici ed emotivi può fornire una reale via di uscita dalla malattia.

 

Walking the path di Amin Shahverdi

 

Un bellissimo video che partecipa al concorso video del prossimo convegno IPA, che si terrà a Buenos Aires dal 25 al 29 luglio.

Attraverso queste immagini è possibile percepire la profondità del lavoro psicoanalitico e il rapporto analista-paziente nella seduta di analisi.

Quest’anno il titolo del convegno è Intimacy. L’intimità, la conoscenza profonda, che si ha nel rapporto analitico con i pazienti in tutte le sue sfumature.

 


Programme Committee
Maureen Murphy, Chair, (North America)
Ronnie Shaw, Co-Chair, (North America)
Alfonso Pola, Co-Chair, (Latin America)
Pedro Gil, Co-Chair, (Europe)
Isabel Ugarte da Silveira, (IPSO Vice-President for Latin America)
Alexandra Billinghurst, (IPA Vice-President)

Local Arrangements Committee
Jeanette Dryzun, Co-Chair, APA
Liliana Pedrón, Member, APA
María Cecilia Andrade, Member, APA
Laura Orsi, Member, APA
Inés Vidal, Co-Chair, APdeBA
Mónica Cardenal, Member, APdeBA
Haydée Zac, Member, APdeBA
Daniel Biebel, Co-Chair, SAP
María Haydée Cantelli, Member, SAP
Sodely Páez, Member, SAP

Relazione perversa: come individuarla

 

relazione-perversa

Sandra Filippini nel suo bellissimo libro “Relazioni perverse” del 2005 si occupa ampiamente di questo tipo di relazione patologica. Sono relazioni in cui non si ha una relazione tra due individui nel loro complesso, ma tra loro parti. La relazione non si basa primariamente sull’affetto, ma sul potere.

Sono relazioni in cui i membri della coppia spesso non si rendono conto della problematicità del proprio rapporto. L’altro viene usato dal perverso relazionale per sostenere la propria autorità e la propria autostima. I perversi relazionare sono caratterizzati dalla estrema naturalezza con cui manipolano fatti e persone.

Ci possono essere due scenari che caratterizzano l’inizio della relazione perversa:

  • All’inizio della relazione la compagna si sente in qualche modo parte del mondo grandioso del perverso, si sentono una “coppia speciale”.
  • Oppure può essere la compagna ed essere considerata grandiosa e invidiabile. Lui la mette sul piedistallo e lei ci sta volentieri.

Gradualmente avviene un cambiamento ed emergono sempre più marcati i fattori sottostanti:

  • Maltrattamento – fisico e/o psicologico.
  • Isolamento – gradualmente la vittima si allontana da amici, parenti e dal proprio ambiente sociale.
  • Senso di colpa/Inadeguatezza – la vittima non si sente all’altezza del compagno.
  • Denigrazione/Umiliazione – il maltrattante attua comportamenti e comunicazioni atte a denigrare l’altro.

In questo tipo di relazioni c’è un uso sistematico della violenza psicologica, attuata attraverso il controllo e il dominio dell’altro.  Il maltrattamento psicologico avviene attraverso il controllo e l’intrusione delle frequentazioni e delle attività del partner e spesso del denaro.

A livello non consapevole, lo scopo del maltrattante è ottenere il controllo dell’altro, negandone l’autonomia. Non può vivere l’altro come persona separata da se stesso.

Il partner che diventa la vittima non si accorge inizialmente dell’aspetto patologico della relazione, perché è catturato dalla grandiosità del perverso-narcisista.

La vittima gradualmente comincia a dubitare di se stessa, della propria capacità di vedere la realtà. Il perverso relazionale, infatti, impone la propria verità a cui il partner si adegua, confermandola.

Il perverso cerca nell’altro l’immagine ideale di Sé, si appropria della sua autostima, della fiducia in se stessa, per incrementare il proprio valore. In realtà il perverso invidia la donna e nega il proprio senso di vuoto e mancanza.

Solitamente a livello psicopatologico, il perverso relazione si colloca in quadri di disturbi di personalità narcista, borderline o antisociale.