Archivi tag: tecnica

CPF 11 maggio 2019 – Estensioni del metodo psicoanalitico

Sabato mattina presso La Colombaria di Firenze si sono confrontati autori e lettori su tematiche attuali del pensiero psicoanaliticio. Uno dei dibattiti ha tratto spunto dalla lettura del libro di Bastianini e Ferruta sull’estensione del metodo psicoanalitico, messo alla prova in contesti e situazioni cliniche diverse. Ne hanno discusso l’autrice Anna Ferruta e Gregorio Hautmann. Cosa significa estendere il metodo psicoanalitico? Estendere il metodo significa estendere il triangolo psicoanalitico con i suoi vertici FANTASIA, INTERPRETAZIONE e SETTING. Ampliare il metodo significa occuparsi di aspetti intrinseci, cioè di aspetti che riguardano l’identità dello psicoanalista. Anche se la psicoanalisi è spesso accusata di non essere in contatto con la realtà attuale, in realtà, sottolinea Anna Ferruta, la psicoanalisi non può che essere contemporanea per il suo essere “in contatto con il rumore del mondo che arriva all’analista tramite le libere associazioni“. Il setting garantisce uno stato di sospensione, ma non dissociazione, rispetto al rumore del mondo. La psicoanalisi, inoltre, non può che essere relazionale, in quanto nella stanza di analisi sono previste due persone, non è un processo solipsistico. Estendere il metodo, significa trasformarlo nel momento in cui entra in contatto con le realtà in trasformazione. In questa trasformazione, il setting coglie il bisogno di stabilità. Non è possibile rendere instabile ciò che deve essere stabile, ma è possibile un’estensione. Il setting deve essere rigoroso con ogni paziente, una volta stabilito, non può essere modificato.

Se il setting sono il numero di sedute, l’orario, i giorni, le modalità di intervento dell’analista, ecc., il metodo riguarda la creazione di un dispositivo in grado di mettere in atto un processo psicoanalitico. Riguarda, quindi, la relazione tra i diversi elementi psicoanalitici (analista/paziente, stabilità, inconscio, regolarità, ecc.), quegli elementi che fondano il processo psicoanalitico.