Narcisisti: ne conoscete qualcuno?

 

 

Tutti conosciamo un narcisista, sono talmente diffusi tra la popolazione, che il dibattito scientifico prima della pubblicazione del DSM 5, proponeva di non inserirlo più tra i disturbi di personalità. Il narcisista cerca costantemente conferme dall’esterno per il mantenimento della propria autostima. Temono di non essere adeguati e si concentrano su aspetti apprezzabili esteriormente (es. bellezza, fama, ricchezza, ecc.).

Tendono ad avere fantasie di onnipotenza, a giudicare gli altri e, nella relazione con questo tipo di persone, si percepisce sempre un certo grado di distacco, per quanto intima possa essere la relazione. La loro angoscia prevalente è quella di sentirsi inadeguati.

Possono essere stati bambini particolarmente capaci a cogliere messaggi in contraddizione a quanto verbalizzato, oppure trattati come estensioni narcisistiche dai genitori. Avete presente quei genitori che non fanno che mettere sui social foto del loro bambino o che non parlano altro dei loro figli? I traguardi raggiunti dai figli, sono i loro traguardi, attribuiscono al figlio caratteristiche non reali, proiettando un loro ideale.

I sentimenti maggiormente presenti nel narcisista sono l’invidia e la vergogna. Sono spesso cresciuti cercando di ricalcare l’ideale proiettato dal genitori, ma sentendo una mancanza di autenticità nella loro stessa identità (come li vedeva il genitore e come si vedevano loro stessi), crescono con il terrore che qualche loro mancanza (che invidiano e spesso criticano nell’altro) venga scoperta, provando un forte senso di vergogna.

Proiettano il loro sé grandioso cercando sempre il meglio (miglior ristorante, miglior medico, migliore istruzione, ecc.) e sono spesso dei perfezionisti.

Quando arrivano in analisi, lo fanno per un problema specifico, perché loro “già sanno tutto di loro stessi” ed il terapeuta può essere idealizzato o svalutato, a seconda delle fasi dell’analisi. Possono avere sintomi ipocondriaci o attacchi di panico a causa della frammentazione del Sé. Il terapeuta si sente “deumanizzato” e deve stare molto attento a formulare gli interventi, perché il narcisista coglie ogni sfumatura di critica.

Siccome gli altri sono Oggetti-Sé, cioè importanti solo per quanto alimentano il loro senso di identità e di autostima, nella relazione con il narcisisti (anche in quella terapeutica) si prova sempre una certa distanza, una mancanza di contatto emotivo autentico.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *