La personalità depressiva

La psiche di alcune persone funziona basandosi su dinamiche di tipo depressivo. La persona depressa è in lutto, il lutto può essere una fase normale della propria vita e, in questo caso, il mondo esterno è sentito impoverito dalla perdita di qualcuno o qualcosa. Nel lutto patologico, invece,  è una parte di noi stessi che è impoverita o danneggiata.

Tristezza intensa, mancanza di energia, anedonia e disturbi vegetativi (alimentazione, sonno, ecc.) sono solo alcune manifestazione della personalità depressiva.

Il senso di colpa (non di vergogna!) che prova il depresso è egosintonico, cioè non mette assolutamente in dubbio che lui sia l’unico responsabile del suo destino. Questo perché il depresso ha interiorizzato un oggetto (genitore) abbandonico, di cui ricorda solo gli aspetti positivi. E’ importante distinguere il senso di colpa, che consiste nella convinzione di essere sbagliato in quanto si ha un genitore critico interiorizzato, dal senso di vergogna che è il timore di essere considerato sbagliato. In quest’ultimo caso il giudice non è interno, ma esterno.

E’ probabile, quindi, che nella sua infanzia ci siano state perdite o abbandoni. Nancy McWilliams (1994) scrive che siccome “il bambino è in uno stato esistenziale di dipendenza. Se coloro da cui dipende sono persone inaffidabili o male intenzionate, può soltanto scegliere se accettare quella realtà, e vivere in una cronica paura, oppure negarla, convincendosi che la fonte dell’infelicità sia dentro di lui, e preservando in tal modo l’idea che un proprio miglioramento potrà cambiare la situazione. Le persone solitamente preferiscono qualunque tipo di sofferenza al senso di impotenza” (p.257). Può anche essere stato un bambino che ha interiorizzato l’angoscia di separazione materna. Una madre che non riusciva a staccarsi da lui, a smettere di allattarlo (Furman) oppure ci può essere stata una grave perdita nel periodo di separazione-individuazione, il periodo che va indicativamente tra l’ottavo e il quattordicesimo e che si conclude intorno ai tre anni (Mahler).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *