Uso dei Social Media e salute mentale

 

Contrariamente a quanto spesso ipotizzato, un maggior uso dei social media non è significativamente correlato ad un peggioramento della salute.

In una recente metanalisi è emerso che la correlazione tra uso dei social media e salute mentale è molto bassa. Solo, infatti, lo 0,4% della varianza è spiegata dall’uso dei social media.

In altre ricerche emerge come sia l’uso che si fa dei social media ad essere correlato alla salute mentale.  I social media possono, infatti, essere usati in modo attivo o passivo. Quindi non è necessariamente il tempo speso sui social media ad influire sul benessere psicologico, ma il modo in cui vengono usati.

Per capire quanto l’uso dei social media possa essere negativo per nostro figlio, possiamo iniziare esaminando l’uso che ne fa. Sapete che vostro figlio ha un profilo su Istagram o Facebook, su cui però non sembra essere molto attivo. Questo vi potrebbe far pensare che usi limitatamente i social media e che ne faccia, quindi, un uso più sano. E’ davvero così?

L’uso dei social media deve essere consapevole, intenzionale ed attivo.

Il modo opposto di usare i social media e rimanendo nascosti, osservando la vita di amici, conoscenti e sconosciuti. Senza interagire, ma osservando passivamente.

Da alcune ricerche emerge che l’uso attivo dei social media riduce la sintomatologia psicopatologica del 15% in chi ne fa un uso attivo, mentre l’uso passivo incrementa del 33% la sintomatologia depressiva.

Ovviamente, l’uso che uno fa dei social network non è altro che la manifestazione di altri aspetti della propria personalità e, talvolta, delle proprie fragilità.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *