Il pensiero di Giovanni Hautmann – Pisa, 27 settembre 2018

 

Il Centro Psicoanalitico di Firenze ha organizzato una seconda giornata per riflettere sul pensiero di Giovanni Hautmann, a quasi un anno dalla sua scomparsa.

Durante la giornata è stato sottolineato l’aspetto creativo della psicoanalisi che Giovanni Hautmann ha costantemente messo in evidenza. La relazione analitica non è più un portare a galla il rimosso, ma è creare dei funzionamenti mentali dove prima erano assenti. Creare nuove rappresentazioni mentali.

Ad Hautmann si deve l’idea di una visione gruppale della mente, l’idea della nascita della soggettivazione attraverso la formazione di una pellicola di pensiero, che si forma quando gli elementi Beta si trasformano in Alpha, l’idea di splitting cognitivo primario quando si ha un malfunzionamento di tale pellicola e l’esistenza di elementi Gamma (oltre agli elementi bioniani Alpha e Beta ) che aiutano la comprensione di quelle patologie dove il deficit della Funzione Alpha riguarda solo alcuni elementi Beta, in particolare, i precursori delle emozioni. Nell’autismo, ad esempio, dove non si assiste ad una difesa estrema nei confronti della percezione sensoriale in generale, ma solo rispetto alla sensorialità che richiede reazioni sociali emotive.

Nella relazione analista-paziente, così come in quella madre-neonato, si ha una prima forma di contatto creativo che porta alla formazione di una pellicola di pensiero. La formazione di tale pellicola rappresenta un momento integrativo di stimoli sensoriali, emotivi ed ideativi ed è dalla formazione di tale pellicola che comincia il processo di separazione-individuazione del bambino. Questo processo avviene grazie al lavoro della Funzione Alpha, alla capacità materna e analitica di creare rappresentazioni lì dove mancavano.

L’impossibilità rappresentazionale è quello che porta un paziente nello studio di uno psicologo ed è questo lo specifico della psicoanalisi. Lo psicoanalista non si occupa di fornire strategie di funzionamento cognitivo, ma di rendere pensabile qualcosa che è rimasto a livello concreto. Quel che è rimasto a livello concreto può essere uno stimolo percettivo-sensoriale (elemento Beta) o uno stimolo emotivo (elemento Gamma) e richiede di essere trasformato in elemento Alpha per poter essere integrato al Sé.  Il percorso psicoanalitico si occupa quindi di aiutare l’emergere e il ripristino di parti di sé, attraverso la formazione delle pellicola di pensiero.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *